Capitolo 4 – Dalla “riforma” Moratti ai giorni nostri


Note:

[115] Op. cit., BALDACCI, M.

[116] Legge 20 marzo 2003, n. 53 “Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale”.

[117] Redazione di Contropiano, 29 aprile 2015, «Smantellamento della scuola pubblica. Una cronistoria per capire quando è cominciato », Contropiano, URL: < http://contropiano.org/documenti/2015/04/29/smantellamento-della-scuola-pubblica-una-cronistoria-per-capire-quando-e-cominciato-030480> [consultato il 13 ottobre 2020].

[118] Op. cit., Redazione di Contropiano.

[119] Dlgs. 19 febbraio 2004, n. 59, “Definizione delle norme generali relative alla scuola dell’infanzia e al primo ciclo dell’istruzione, a norma dell’articolo 1 della legge 28 marzo 2003, n. 53”.

[120] Op. cit., BALDACCI, M.

[121] Dlgs. 19 novembre 2004, n. 286, “Istituzione del Servizio nazionale di valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione, nonché riordino dell’omonimo istituto, a norma degli articoli 1 e 3 della legge 28 marzo 2003, n. 53”, [NdA] Tra l’altro l’INVALSI era stato già introdotto con il Dlgs. 20 luglio 1999, n. 258, “Riordino del Centro europeo dell’educazione, della biblioteca di documentazione pedagogica e trasformazione in Fondazione del museo nazionale della scienza e della tecnica “Leonardo da Vinci”, a norma dell’articolo 11 della legge 15 marzo 1999, n. 59”, Governo D’Alema I, Ministro della Pubblica Istruzione: L. Berlinguer, che trasformò l’originario CEDE (Centro Europeo dell’Educazione) istituito nei primi anni ’70.

[122] Dlgs.15 aprile 2005, n. 76, “Definizione delle norme generali sul diritto-dovere all’istruzione e alla formazione, a norma dell’articolo 2, comma 1, lettera c), della legge 28 marzo 2003, n. 53”.

[123] Dlgs. 15 aprile 2005, n. 77, “Definizione delle norme generali relative all’alternanza scuola-lavoro, a norma dell’articolo 4 della legge 28 marzo 2003, n. 53”.

[124] Costituzione della Repubblica Italiana, art. 3.

[125] CECCARELLI, Roberto, 29 maggio 2017, «Uno studente su tre paga per fare alternanza scuola-lavoro», in «Il Manifesto», URL: <https://ilmanifesto.it/uno-studente-su-tre-paga-per-fare-alternanza-scuola-lavoro/&gt; [consultato il 12 ottobre 2020].

[126] Gramsci, A. Quaderni dal carcere, edizione critica  a cura di Gerratana, V., Einaudi; Torino, 1975; Q12, pp. 1549-50.

[127] Dlgs. 17 ottobre 2005, n. 227, “Definizione delle norme generali in materia di formazione degli insegnanti ai fini dell’accesso all’insegnamento, a norma dell’articolo 5 della legge 28 marzo 2003, n. 53”.

[128] Legge 2 aprile 2007, n. 40, “”Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, recante misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo di attività economiche e la nascita di nuove imprese”, art. 13.

[129] Legge 6 agosto 2008, n. 133, “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitivita’, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria”, art. 64.

[130] Legge 30 ottobre 2008, n. 169, “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1° settembre 2008, n. 137, recante disposizioni urgenti in materia di istruzione e università”, art. 4.

[131] DPR 20 marzo 2009, n. 81, “Norme per la riorganizzazione della rete scolastica e il razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane della scuola, ai sensi dell’articolo 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133”, art. 4, comma 3.

[132] DPR 15 marzo 2010, n. 88, “Recante norme concernenti il riordino degli istituti tecnici ai sensi dell’articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133”, art. 64, comma 4, lettera b).

[133] Ibidem, art. 5.

[134] Ibidem, Riordino degli istituti tecnici in due settori e undici indirizzi.

[135] DPR 15 marzo 2010, n. 87, “Recante norme concernenti il riordino degli istituti tecnici ai sensi dell’articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133”, riordino degli istituti professionali in due settori e sei indirizzi.

[136] Op. cit., DPR 20 marzo 2009, n. 81, art. 5, com. 1, 2 e 3.

[137] Op. cit., DPR 22 giugno 2009, n. 122.

[138] Rassegna Stampa Nazionale, «Unità: Brunetta, la rabbia dei prof: ‘Vogliono affondare la scuola’» in FLC CGIL sito ufficiale, URL: <http://m.flcgil.it/rassegna-stampa/nazionale/unita-brunetta-la-rabbia-dei-prof-vogliono-affondare-la-scuola.flc>, [consultato il 12 ottobre 2020]

[139] Ibidem.

[140] Ibidem.

[141] Legge 13 luglio 2015, n. 107, “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”.

[142] Ibidem, art. 1, comma 1 lettera a).

[143] Anon., Dizionario Treccani di Economia e finanza, 2012, s.v. “capitale umano”, URL:<http://www.treccani.it/enciclopedia/capitale-umano_%28Dizionario-di-Economia-e-Finanza%29/> [consultato il 12 ottobre 2020].

[144] Op. cit., BALDACCI, M.

[145] Op. cit., Legge 13 luglio 2015, n. 107, art. 1, comma 7 lettera a).

[146] Ibidem, lettera b).

[147] Ibidem, lettere c) e d).

[148] Ibidem, comma 60, “Per favorire lo  sviluppo  della  didattica  laboratoriale, le istituzioni scolastiche, anche  attraverso i poli tecnico-professionali, possono dotarsi di laboratori territoriali per l’occupabilità attraverso la partecipazione, anche  in  qualità  di soggetti  co-finanziatori,  di  enti  pubblici  e  locali,  camere  di commercio,  industria,  artigianato   e   agricoltura,   università, associazioni, fondazioni, enti di formazione professionale,  istituti tecnici superiori  e  imprese  private,  per  il  raggiungimento  dei seguenti obiettivi: a) orientamento della didattica e  della  formazione  ai  settori strategici del made in Italy,  in  base  alla vocazione  produttiva, culturale e sociale di ciascun territorio; b) fruibilita’ di servizi propedeutici al collocamento al  lavoro o alla riqualificazione di giovani non occupati; c) apertura della scuola al territorio e possibilità di utilizzo degli spazi anche al di fuori dell’orario scolastico.

[149] Ibidem, comma 7, lettera m).

[150] Ibidem, lettera n).

[151] Ibidem, commi 33-44.

[152] Ibidem, comma 7, lettera p).

[153] Ibidem, lettere p) e q), comma 29.

[154] Op. cit., BALDACCI, M.

[155] Op. cit., Legge 13 luglio 2015, n. 107, comma 65.

[156] Ibidem, comma 95.

[157] [NdA] Le Riforme Moratti e Gelmini abrogano la titolarità di cattedra.

[158] Op. cit., Legge 13 luglio 2015, n. 107, commi 78-83.

[159] Ibidem, comma 85.

[160] Ibidem, comma 83.

[161] Ibidem, commi 78-83.

[162] CICCARELLI, Roberto, 14 luglio 2016, «Il precariato a scuola è illegale e la Consulta grazia Renzi», in «IL Manifesto», URL: < https://ilmanifesto.it/il-precariato-a-scuola-e-illegale-e-la-consulta-grazia-renzi/ > [consultato il 12 ottobre 2020].

© L. R. Capuana

Your opinion is cherished

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.