Capitolo 5 – Dal CEDE all’INVALSI









Note:

[163] SJØBERG, Svein, 16 dicembre 2015, «PISA and Global Education Governance – A Critique of the Project, Its Uses and Implications», in «Eurasia Journal of Mathematics, Science and Technology Education», URL: <https://www.ejmste.com/article/pisa-and-global-educational-governance-a-critique-of-the-project-its-uses-and-implications-4353> [consultato  il 13 ottobre 2020].

[164] Dlgs. 20 luglio 1999, n. 258 “Riordino del Centro europeo dell’educazione, della biblioteca di documentazione pedagogica e trasformazione in Fondazione del museo nazionale della scienza e della tecnica ‘Leonrado da Vinci’, a norma dell’articolo 11 della legge 15 marzo 1999, n. 59”.

[165] RICCI, Roberto, CORSINI, Cristiano, dialogo moderato da FRANZINI, Maurizio, , convegno tenutosi a Treviso il 21 settembre 2019 dal titolo “Le prove INVALSI: più benefici o più rischi?”, nell’ambito del Festival Statisticall, URL: <https://www.facebook.com/watch/?v=374163193459506>, video in diretta condiviso sul social network Facebook dalla pagina “PoPEconomy”, (al minuto 10:43), [consultato il 13 ottobre 2020].

[166] Op. cit., Dlgs. 19 novembre 2004, n. 286, art. 1. L’Istituto:
a) effettua verifiche periodiche e sistematiche sulle conoscenze e abilità degli studenti e sulla qualità complessiva dell’offerta formativa delle istituzioni di istruzione e di istruzione e formazione professionale, anche nel contesto dell’apprendimento permanente. Per la formazione professionale le verifiche concernono esclusivamente i livelli essenziali di prestazione e sono effettuate tenuto conto degli altri soggetti istituzionali che già operano a livello nazionale nel settore della valutazione delle politiche nazionali finalizzate allo sviluppo delle risorse umane;
b) predispone, nell’ambito delle prove previste per l’esame di Stato conclusivo dei cicli di istruzione, per la loro scelta da parte del Ministro, le prove a carattere nazionale, sulla base degli obiettivi specifici di apprendimento del corso ed in relazione alle discipline di insegnamento dell’ultimo anno di ciascun ciclo, e provvede alla gestione delle prove stesse, secondo le disposizioni emanate in attuazione dell’articolo 3, comma 1, lettera c), della legge 28 marzo 2003, n. 53;
c) svolge attività di ricerca, nell’ambito delle sue finalità istituzionali;
d) studia le cause dell’insuccesso e della dispersione scolastica con riferimento al contesto sociale ed alle tipologie dell’offerta formativa;
e) assume iniziative rivolte ad assicurare la partecipazione italiana a progetti di ricerca europea e internazionale in campo valutativo;
f) svolge attività di supporto e assistenza tecnica all’amministrazione scolastica, alle regioni, agli enti territoriali, e alle singole istituzioni scolastiche e formative per la realizzazione di autonome iniziative di monitoraggio, valutazione e autovalutazione;
g) svolge attività di formazione del personale docente e dirigente.

[167] Ibidem, art. 613. L’INVALSI, fermo restando quando previsto dall’articolo 20 del contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dell’area V della dirigenza per il quadriennio normativo 2002-2005 ed il primo biennio economico 2002-2003, pubblicato nel supplemento ordinario n. 113 alla Gazzetta Ufficiale n. 103 del 5 maggio 2006 e nel rispetto delle prerogative del dirigente generale dell’ufficio scolastico regionale, sulla base delle indicazioni del Ministro della pubblica istruzione, assume i seguenti compiti:
a) formula al Ministro della pubblica istruzione proposte per la piena attuazione del sistema di valutazione dei dirigenti scolastici;
b) definisce le procedure da seguire per la valutazione dei dirigenti scolastici;
c) formula proposte per la formazione dei componenti del team di valutazione;
d) realizza il monitoraggio sullo sviluppo e sugli esiti del sistema di valutazione.

[168] Legge 27 dicembre 2006, n. 296, art. 1, comma 612.

[169] Decreto Legge 9 febbraio 2012, n. 5, art. 51.

[170] Art. 3 Invalsi

1. Ferme restando le attribuzioni previste dall’articolo diciassette del decreto legislativo 31 dicembre 2009, n. 213, dal decreto legislativo 19 novembre 2004, n. 286, dalla legge 27 dicembre 2006, n. 296, e dal decreto-legge 7 settembre 2007, n. 147, convertito, con modificazioni, dalla legge 25  ottobre  2007, n. 176, nonché le competenze già previste da altre disposizioni vigenti alla data di entrata in vigore del presente regolamento, l’Invalsi, nell’ambito dell’S.N.V., in particolare:   

a) assicura il coordinamento funzionale dell’S.N.V.;    b) propone i protocolli di valutazione e il programma delle visite alle istituzioni scolastiche da parte dei nuclei di valutazione esterna, di cui all’articolo 6;    c) definisce gli indicatori di efficienza e di efficacia in base ai quali l’S.N.V. individua le istituzioni scolastiche che necessitano di supporto e da sottoporre prioritariamente a valutazione esterna;   d) mette  a  disposizione delle singole istituzioni scolastiche strumenti relativi al procedimento di valutazione di cui all’articolo 6 per la realizzazione delle azioni di cui all’articolo 6, comma 1;    e) definisce gli indicatori per la valutazione dei dirigenti scolastici, in coerenza con le disposizioni contenute nel decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150;     f) cura la selezione, la formazione e l’inserimento in un apposito elenco degli esperti dei nuclei per la valutazione esterna di cui all’articolo 6, comma 2, nell’ambito delle risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente. A tale fine, sulla base dei criteri generali definiti con direttiva del Ministro, l’Invalsi con propria deliberazione stabilisce, entro sessanta giorni dall’emanazione della direttiva stessa, le modalità di costituzione e gestione di detto elenco; esso cura, altresì, la formazione degli ispettori che partecipano ai citati nuclei;    g) redige le relazioni al Ministro e i rapporti sul sistema scolastico e formativo, di cui all’articolo 3 del decreto legislativo 19 novembre 2004, n. 286, in  modo  tale da consentire anche una comparazione su base internazionale;    h) partecipa alle indagini internazionali e alle altre iniziative in materia di valutazione, in rappresentanza dell’Italia.

[171] DPR 28 marzo 2013, n. 80, “Regolamento sul sistema nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione”. 

[172] Testo audizione della Ministra CARROZZA Maria Chiara alle Commissioni della Camera e del Senato del 6 giugno 2013, in sito ufficiale FLC CGIL, URL: <http://www.flcgil.it/files/pdf/20130606/testo-audizione-ministro-maria-chiara-carrozza-alle-commissioni-della-camera-e-del-senato-del-6-giugno-2013.pdf>, pp. 15-16, [consultato il 13 ottobre 2020].

[173] Dlgs. 13 aprile 2017, n. 62, “Norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera i), della legge 13 luglio 2015, n. 107.

[174] Istituto nazionale per la valutazione del sistema d’istruzione, Rapporto dei risultati delle rilevazioni nazionali degli apprendimenti 2014-15, URL: <https://www.invalsi.it/invalsi/doc_evidenza/2015/034_Rapporto_Prove_INVALSI_2015.pdf>, [consultato il 13 ottobre 2020].

[175] Op. cit., CAPUANA, Lucia R. «L’OCSE-PISA e il dogma del neoliberismo che soffoca l’istruzione».

[176] Op. cit., MACLEAN, N., pp. 178-79.

[177] LATEMPA, Rossella, 26 ottobre 2018, «Mega Laboratorio INVALSI: la schedatura psicologia di massa dei minori italiani» in Roars.it, URL: <https://www.roars.it/online/mega-laboratorio-invalsi-la-schedatura-psicologica-di-massa-dei-minori-italiani/>, [consultato il 13 ottobre 2020].

[178] CHOMSKY, Noah, Who Rules the World, Penguin Random House, UK, 2017, pp. 88-89.

[179]   Istituto nazionale per la valutazione del sistema di istruzione, “Rapporto Prove INVALSI 2019”, URL: https://invalsi-areaprove.cineca.it/docs/2019/Rapporto_prove_INVALSI_2019.pdf, [consultato il 13 ottobre 2020].

[180] Ibidem, “Da uno sguardo d’insieme sui risultati delle prove d’Inglese emergono le seguenti considerazioni generali: innanzitutto, le competenze nella lingua Inglese degli studenti si discostano sempre di più dagli standard di riferimento nel corso dell’itinerario scolastico, in misura maggiore nella comprensione della lingua parlata rispetto alla comprensione della lingua scritta, il che sembrerebbe denotare una carenza nell’insegnamento, le ragioni della quale andrebbero meglio approfondite. Secondariamente, le differenze tra le macro-aree aumentano considerevolmente dal grado 5 al grado 13. Infine, la variabilità che si osserva tra scuole e tra classi, è più alta in Inglese di quella che si registra in Italiano e – tranne che al grado 13 – in Matematica, in misura crescente procedendo da nord a sud. Ciò fa pensare o a una diversa qualità dell’insegnamento tra una scuola, o una classe e l’altra, soprattutto nel mezzogiorno, o anche alla possibilità per una parte degli alunni di beneficiare di opportunità di apprendimento della lingua inglese fuori dalla scuola”, pp. 96-97.

[181] Op. cit., Rapporto dei risultati delle rilevazioni nazionali degli apprendimenti 2014-15, p. 58.

[182] Ibidem, p. 1.

[183] Ibidem.

[184] Ibidem, p. 17.

[185] Redazione Roars.it, 17 febbraio 2014,Intervista a Giorgio Israel, «G. Israel: ‘Un ente di valutazione deve essere una casa di vetro’”, in Roars.it, URL: <https://www.roars.it/online/g-israel-un-ente-di-valutazione-deve-essere-una-casa-di-vetro/>, [consultato il 13 ottobre 2020].

[186] Ibidem.

[187] Op. cit., Rapporto dei risultati delle rilevazioni nazionali degli apprendimenti 2014-15, p. 70.

[188] Ibidem, pp. 67-68.

[189] Ibidem, p. 29.

[190] IUCCI, Stefano, 23 giugno 2011, “Scuola: Vertecchi, valutare tutto” in Rassegna Sindacale, URL: <http://www.rassegna.it/articoli/scuola-vertecchi-valutare-tutto>, [consultato il 13 ottobre 2020].

[191] Dlgs. 31 dicembre 2009, n. 231, “Riordino degli enti di ricerca in attuazione all’articolo 1 della legge 27 settembre 2007, n. 165, art. 17.

[192] Dossier di Tutto Scuola, «Dispersione scolastica: persi 3,5 milioni di studenti in vent’anni. Numeri e soluzioni» in Tuttoscuola.com, URL: < https://www.tuttoscuola.com/dispersione-scolastica-la-scuola-colabrodo/> [consultato il 13 ottobre 2020].

[193] Dlgs. 19 novembre 2004, n. 286, “Istituzione del Servizio nazionale di valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione, nonché riordino dell’omonimo istituto, a norma degli articoli  1 e 3 della Legge 28 marzo 2003, n. 53”, [NdA] che, all’art. 3, comma 1, lettera d) recita: “studia le cause dell’insuccesso e della dispersione scolastica con riferimento al contesto sociale ed alle tipologie dell’Offerta Formativa”.

[194]  Istituto nazionale per la valutazione del sistema di istruzione, “Rapporto Prove INVALSI 2019”,  p. 19.

195  Costituzione della Repubblica Italiana, art. 3, “E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti I lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

[196] MIUR, tabelle Esami di Stato delle scuole secondarie di II grado Anno scolastico 2017/18, URL: <https://www.miur.gov.it/documents/20182/0/Tabelle_Esami+II+grado_1718.pdf/9c973449-5c7e-43fe-b669-5ba3cd729f57&gt; [consultato il 13 ottobre 2020].

[197] Ibidem, Tabella Diplomati per tipologia di percorso e voto A.S. 2017/18, Valori percentuali.

[198] Edizioni Zanichelli, download media, URL <https://www.zanichelli.it/download/media/825e/2012_materie_italiano.pdf>, p. 65. [consultato il 13 ottobre 2020].

[199] Ibidem, pp. 68-70.

[200] Istituto nazionale per la valutazione del sistema d’istruzione, “Leffetto scuola (valore aggiunto)” sui risultati delle prove INVALSI, URL: < https://invalsi-dati.cineca.it/2016/docs/effetto_scuola_2016.pdf>, p. 1. [consultato il 13 ottobre 2020].

[201] CAPUANA, Lucia R., «Response to Points Raised in Henz-Dieter Meyer ‘Open Letter’» risposta alla domanda n. 6 in lrcapuana.com, URL: <https://lrcapuana.com/2017/07/30/response-to-points-raised-in-heinz-dieter-meyer-open-letter/>, [consultato il 13 ottobre 2020].

[202] TIENKEN, Christopher H, «PISA Problems» in Research and Evidence-Based Practice Advancing the Profession of Education Administration, AASA Journal of Scholarship & Practice, Winter 2014/Vol. 10, n. 4, URL<https://www.aasa.org/uploadedFiles/Publications/Journals/AASA_Journal_of_Scholarship_and_Practice/JPS-Winter2014-FINAL.pdf>, p. 6, [consultato il 14 ottobre 2020].

© L. R. Capuana

Your opinion is cherished

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.